Absentia è basato su una storia vera? Stana Katic dice che l’avvincente mistero risucchierà gli spettatori

C’è un nuovo thriller che sicuramente vi farà scorrere un sangue freddo come una raffica artica: Absentia. Debuttato su Amazon Prime il 2 Feb., la storia si adatta alla recente fase di dramma criminale che tutti sembrano stare attraversando. Ma, se siete curiosi del fatto che Absentia sia basato su una storia vera, dovreste sapere che sono tutti attori davvero convincenti a ritrarre una sceneggiatura realistica. Tuttavia, la star principale della serie Stana Katic dice a Bustle per telefono che la sua performance ha ispirazioni nel mondo reale. “Non è difficile andare su Google e trovare parti del mondo che sono sotto estrema costrizione,” dice la Katic. “Leggere, e vedere queste esperienze umane che sono orribili da immaginare dalla comodità delle nostre case negli USA. Dunque questa è stata una parte della mia esplorazione come attrice.”

I fan della Katic la riconosceranno dal suo lungo show Castle, ma non si aspettano che Absentia abbia niente a che vedere con quella serie.Castle era singolare perchè portavamo alcune scene nel corso degli anni e certamente era una tragicommedia romantica procedurale. Tuttavia, [Absentia] è un thriller psicologico quindi è molto, molto diverso nel tono” dice Stana Katic ad ogni tentativo di paragonare le due.

In Absentia, lei interpreta Emily Byrne, un’ex agente FBI che viene abdotta e tenuta prigioniera per sei anni da un rapitore squilibrato. Viene presunta morta, con suo marito e suo figlio che vanno avanti con le loro vite in sua assenza (Capito? Absentia?) La serie inizia dopo il suo salvataggio, e racconta la storia del suo tentativo di riassimilazione nella sua vita, benchè niente sia come sembra per Emily. Il risultato è un oscuro, grintoso thriller psicologico che piega le idee degli spettatori su quel che pensano di sapere su una donna assente e sulla vita che ha condotto (ma che non ricorda) come prigioniera torturata per quasi un decennio.
Oltre a recitare in Absentia, la Katic è uno dei produttori esecutivi. Avere quel livello di input è stato una motivazione importante per cui la Katic ha voluto essere coinvolta nella serie. “Essere un produttore esecutivo è stato qualcosa di eccitante perchè ho potuto partecipare e cooperare in altre parti della produzione che sono intriganti per me…e davvero stimolanti. Quindi, è stato molto divertente” dice. La Katic parla molto bene anche del co-creatore e scrittore dello show. “È nata dalla mente di Gaia Violo,” dice riguardo la singolare storia di Absentia. “Per quanto ne so, non è basata su una storia vera. Viene dalla meravigliosa mente creativa della nostra storyteller di origine.”

La premessa creativa è quel che ha dato il via ad un’inversione del ruolo dell’anti-eroe sullo schermo. Nel modo in cui lo show la incornicia, Emily Byrne è apparentemente più di una semplice vittima, ed è possibilmente inquadrata come il perpetratore di alcuni dei più orribili omicidi della serie.

“In molti casi l’antieroe è un personaggio maschile ed in questo è un personaggio femminile”, dice la Katic. “Penso sia davvero interessante per me come attrice, esplorare, ma penso anche per un pubblico, navigare lo sia. C’è il Tony Sopranos, c’è il Thomas Shelbys, c’è il personaggio di Tom Hardy in Taboo. Tutti personaggi che ho assolutamente amato guardare e nei quali sono completamente coinvolta. Nel nostro caso è Emily Byrne.”

Il pubblico pensa di sapere cosa sta succedendo e chi c’è dietro, [poi] arriva un altro pezzo di informazione che dice, ‘No, ritenta’.

E, solo perchè la serie non è esplicitamente basata su circostanza del mondo reale, non significa che la Katic non abbia usato scenari reali per ricercare il suo personaggio. Anche se dice di essere certamente consapevole dei rapimenti del giorno d’oggi e degli eventi che potrebbero sembrare simili, ha definitivamente tratto ispirazione da accadimenti più vecchi – quelli della Seconda Guerra Mondiale, per essere precisi. Oltre a leggere libri che raccontano il ruolo vitale che le donne hanno avuto durante la guerra, dice di aver preso ispirazione anche dal libro “Man’s Search for Meaning” (“La ricerca dell’uomo del significato”). Scritto dallo psichiatra Viktor Frankl, racconta l’esperienza del suo periodo ad Auschwitz durante la guerra.

“[Frankl] analizza chi sopravvive e perchè” dice la Katic sul libro. “Due delle cose che lui ha citato come ragioni per cui le persone sono in grado di uscire vive, erano, prima di tutto, avere qualcosa per cui sperare. Avere qualcosa al mondo per cui andare avanti. Nel caso di Emily, suo figlio. La speranza di rincontrare lui… [la seconda ragione è] un senso dell’umore davvero oscuro.”

Anche se la Katic dice che molta della sua ispirazione viene dal passato, i fan sono probabilmente ugualmente curiosi sul futuro dello show ora che tutti gli episodi sono stati rilasciati su Amazon. La Katic sembra pensare sia non tanto una domanda sul se, e più una domanda sul come verrà fuori. “Penso che la conversazione attuale sia mirata a come potrebbe apparire la seconda stagione?” dice. “Penso che per quanto sia completamente chiaro, devo lasciare che sia Amazon a parlarne.” Comunque, quel che è chiaro è il suo desiderio di continuare ad interpretare Emily. Quando le ho chiesto se sarebbe tornata per una possibile seconda stagione, ha avuto una sola parola da dire: “Sì.”

E, ci sono tante storie da esplorare in ulteriori episodi, data la natura misteriosa dello show. “È una di quelle storie che, appena il pubblico pensa di sapere cosa sta succedendo e chi vi è dietro, c’è un altro pezzo di informazione che dice “no, ritenta”, nota la Katic. “penso sarà eccitante per i membri del pubblico, specialmente per gli amanti del mistero e così via. Perchè so che la gente ama mettere insieme i pezzi del puzzle”.

Quindi, Absentia potrebbe non essere basato su una singola storia vera, ma questo certamente non lo rende meno grintoso. Questo show ha spirali che lascerebbero senza fiato M. Night Shyamalan, e gli spettatori possono provare a risolvere i puzzle con gli episodi della prima stagione in streaming ora su Amazon Prime.

Indietro | Top