LE DONNE DOMINANO LA TELEVISIONE.
ABBIAMO CHIACCHIERATO CON STANA KATIC,
DI ABSENTIA

Durante la conferenza stampa per i media europei in Bulgaria, dov’è stata registrata la nuova serie televisiva di Sony Pictures Television, Stana Katic ha parlato del suo personaggio in Absentia, delle registrazioni nel paese e sulla fine della sua vecchia serie tv, Castle.
Leggi qui sotto la traduzione.

Per otto anni ha vestito i panni di una determinata detective insieme a Nathan Fillion. Ora ritorna alla televisione in una produzione più oscura, Absentia. Noi (il sito naEKRANIE.pl) abbiamo incontrato Stana Katic e parlato del lavoro sul set e di quello che è veramente accaduto nell’ultimo episodio di Castle.

AXN ha debuttato in una nuova serie tv con te nel ruolo principale. Puoi presentare brevemente il tuo nuovo personaggio e dirmi cosa sta succedendo durante la produzione?
Stana Katic: Sono Emily Byrne, un agente dell’FBI che è stata rapita e dichiarata morta. Naturalmente, questo è accaduto prima dell’inizio della nostra serie. Nel primo episodio si ritrova Emily. Si scopre che è stata sequestrata e torturata per sei anni. Lei trova una nuova realtà dal momento in cui scopre che suo marito, ha una nuova moglie, ed il figlio, ha una nuova donna nella sua vita che chiama “mamma”. Suo padre, a sua volta, si è ammalato.

Emily è una donna forte o forse un po’ mentalmente disturbata?
È sicuramente una persona forte che può sopravvivere nelle condizioni più difficili. Naturalmente, ciò che è cambiato, è cambiato di molto. Se in meglio o in peggio, gli spettatori dovranno valutare. So che mi chiederai se è come Kate Beckett di Castle. La risposta è no. Emily è più reale. La serie affronta i veri problemi che la gente comune incontra ogni giorno. Lasciando a parte il contesto del sequestro, mi sembra che gli spettatori possano facilmente identificarsi negli altri avvenimenti. Kate ha vissuto in un mondo immaginario. C’era un piccolo problema che era reale. Castle era la tipica serie di intrattenimento, dove avevamo un segreto per ogni episodio. Il problema degli eroi, era più intrattenimento.

Hai detto di aver preso questo lavoro molto sul serio.
Sì, dietro le emozioni, cerchiamo di mostrare cose importanti. Ho letto molto sul comportamento delle donne liberate dopo lunghi periodi di sequestro, per esempio un decennio, e come sono state influenzate psicologicamente. Volevo raccogliere il maggior numero possibile di informazioni per rendere convincente il mio personaggio, ma anche in modo che gli spettatori potessero aver chiaro cosa hanno dovuto affrontare queste donne. Ho letto rapporti di persone che sono sopravvissute, fino alla seconda guerra mondiale, per capire cos’è capace di mantenere sana una persona dopo aver testimoniato così tanta crudeltà. [Sapere] Perché queste persone volevano ancora vivere.

Senti che Emily abbia a che fare con Kate?
All’inizio ho avuto quest’impressione, ma ho cominciato a vedere molte differenze. Emily è il nuovo archetipo di eroina femminile. È una madre, moglie, ma è anche una guerriera che non si ferma finché non raggiunge il suo obiettivo. Mi è piaciuto che, anche se ci sono molti uomini nel cast, la mia eroina è la più forte. È lei che comanda. Questa volta, Patrick Heusinger è la bella aggiunta [al cast]. (Ride)

Foto di naEKRANIE.pl

Hai anche sottolineato nella nostra conversazione che Absentia era la più grande sfida dietro alle camere della tua carriera. Perché?
Per la prima volta ho registrato una serie di dieci episodi come se fosse un film. Senza pausa. Sono stata esiliata in Bulgaria per alcuni mesi, dove c’è stato un grave inverno e ho dovuto fingere di essere a Boston. Non è un lavoro facile. Nelle opere precedenti, abbiamo sempre avuto una pausa tra gli episodi. Potevamo andare a casa e vedere la famiglia. [Ora] Non c’è stata una tale possibilità, proprio come nelle registrazioni cinematografiche. Vai in un posto e aspetti finché non finisci. Anche questo è stato vantaggioso, perché la Bulgaria è un paese bellissimo che ho potuto visitare e conoscere. Ho scoperto come è la cultura, ho provato la cucina.
Senti come la vita è vissuta ogni giorno.

Questa è una serie oscura?
È oscura e brutale, anche se abbiamo voluto giustificare perfettamente tutte le scene di violenza, affinché lo spettatore seduto di fronte alla TV non dichiarasse che era inutile. La violenza è una parte molto importante della nostra storia, non un intrattenimento gratuito.

Ho notato che sei anche il produttore di questa serie. Hai dato ordini sul set, in questo senso?
Un po’ (ride). Ho cercato di far sì che tutti avessero le condizioni di lavoro più comode, in modo che la loro creatività e le performance non fossero ostacolate. È stata una grande sfida prendere questa responsabilità. Ma è anche stata una grande gioia guardare i frutti del lavoro in TV. Ho anche tenuto d’occhio una storia legale su questioni importanti. Stavo prestando molta più attenzione ai dettagli di quando sono solo una normale attrice. Probabilmente sapete com’è prendersi cura di se stessi. Ho trattato la serie come un film indipendente creato per la televisione americana, e questo non accade spesso. A mio parere, il cinema indipendente oggi racconta le storie più interessanti. Il tipo [di storia] che la gente vuole vedere e sentire. Questo è un campo di sperimentazione e un piccolo rischio. Nessuno ha un grosso profitto qui, guadagni milionari.

La domanda è: AXN vede anche questo?
Credo di sì. Hanno finalmente firmato un contratto con noi (ride).

Infine, vorrei chiederti sulla fine di Castle. Richard e Kate sono vivi o morti?
Vorrei credere che questa storia ha un finale felice, che realmente conducono una vita felice con i bambini. Tuttavia, questo mi sembra solo un sogno e la più probabile delle due è la prima versione. Anche se, questo è uno degli scopi che consentono ai fans di interpretare e scegliere quello che gli piace di più.
Ma se veramente muoiono, non sarebbe un finale molto felice.
La vita non è sempre così felice come vorremmo!

 

Indietro | Top