Martedì 20 febbraio 2018, Stana Katic è stata ospite nel programma radiofonico Up All Night della BBC, intervistata da Peter Bowes. Per parlare della premiere di Absentia nel Regno Unito, l’attrice ha partecipato a una conversazione di circa 30 minuti, ha risposto alle domande dei fan e ha parlato delle curiosità della sua nuova serie di Sony e Amazon Prime Video.

Leggi l’intervista tradotta qui sotto:

Rhod Sharp: Sono molto, molto felice che sia qui. Forse ti piacerebbe presentarla.

Peter Bowes: Mi piacerebbe, grazie, Rhod. Stana Katic è qui ed è già stata con noi prima. In realtà, Stana, penso che l’ultima volta che sei stata in questo studio con me era nel 2013. A quel tempo, stavamo parlando dello show in cui sei stata per molti anni, Castle. Ora sei pronto per uno show nuovo di zecca. È bello rivederti.

Stana Katic: Grazie, è bello vederti anche te.

Peter Bowes: La tua nuova serie si chiama Absentia. È simile, nel senso che interpreti un poliziotto.

Stana Katic: Oh, sì. Sì, Absentia è… Ci sono delle somiglianze, tuttavia quando le persone chiedono di interpretare di nuovo un poliziotto, posso dire: “Guarda, lei era un agente dell’FBI una volta, tuttavia, in realtà, questo fa solo da sfondo nella storia di questo personaggio.” Questa è una specie di suspense che ti fa star male.

Peter Bowes: Parliamo del lato commerciale di questo show un momento. Parleremo del personaggio e della serie subito dopo. Questa è una serie che è stata presentata in anteprima su Amazon Prime Video nel Regno Unito e negli Stati Uniti. In effetti, è già stata in TV in altre parti d’Europa. Questo riflette davvero il nuovo mondo, nel senso di produrre per la televisione, vero?

Stana Katic: Oh, al 100%. È molto interessante, sto parlando con dei colleghi che hanno progetti che vengono originati e prodotti da, ad esempio, gruppi dalla Germania e dalla Francia e poi tornano sul mercato statunitense. Ora c’è una specie di Old-West in televisioni. È un gioco per ogni uomo. O donna.

Peter Bowes: Per persone nella tua posizione, questo apre molte nuove porte.

Stana Katic: Assolutamente. È stato davvero bello lavorare su Absentia perché abbiamo avuto l’opportunità di lavorare con un gruppo di talenti veramente internazionale. Dal cast alla squadra, anche ad alcuni elementi di produzione. Avevamo accesso a persone che non avrei potuto conoscere, necessariamente e lavorato, se ci fossimo interamente basati negli Stati Uniti.

Peter Bowes: Riempiamo il vuoto. Sei stata a Castle per molti anni. Sono curioso, com’è quando lasci una serie come questa e vai avanti? Per una parte così grande della sua vita di attrice eri nei panni di quel personaggio e in quel ruolo. Quali emozioni hai vissuto mentre andavi avanti?

Stana Katic: Io non… Come personaggio, è una cosa e come l’attrice che interpreta il personaggio, un’altra. Ma anche come essere umano, ho avuto e ho ancora molte amicizie davvero meravigliose di questo progetto. E l’ho tenute. In effetti, ho appena visto uno dei miei colleghi, quindi… Ci teniamo in contatto, co mandiamo messaggi, conosco i progetti in cui sono impegnati, sono grata anche per loro e sono molto felice di sapere del successo di tutti. Quindi questa è una parte. È passato molto tempo e sono diventati tutti importanti… Come, finisci per conoscerci in un modo molto familiare. E questa è probabilmente la più grande transizione: non vedere le stesse facce ogni giorno. Soprattutto questi straordinari talenti e cuori meravigliosi. Ma come attrice, penso per me stessa… Ho sempre cercato di recitare in altri mondi durante l’estate, quindi ho realizzato film indipendenti, film con budget maggiori, sono sempre stata coinvolta in altri progetti creativi. L’idea di “Va bene, come lo concepiamo…”, non era molto difficile in quel caso.

Peter Bowes: Quando ti hanno offerto il personaggio di Emily Byrne, l’agente dell’FBI che interpreti nella tua nuova serie, cosa ti ha attratto di questo personaggio?

Stana Katic: È divertente. Quando i miei rappresentanti… Gli attori hanno rappresentanti.

Peter Bowes: La tua agente.

Stana Katic: Quello, la mia agente. Quindi, quando i miei rappresentanti hanno detto “Ehi, cosa vuoi che teniamo d’occhio, allora?” Ho detto, “Non voglio necessariamente interpretare la moglie di qualcuno, mamma…” E questo suona orribile, ma volevo dire in questo senso: tradizionalmente, nella narrativa, questi personaggi sono solo strumenti della storia che stanno raccontando. In realtà, non partecipano attivamente alla storia. Non sono membri attivi, in molti casi, nella traiettoria che prende la storia. Sono lì a preoccuparsi del personaggio che sta vivendo il viaggio. Ho pensato: “Senti, non voglio entrare in una storia e impegnarmi per un lungo periodo di tempo se un personaggio ha quella qualità.” E poi questo progetto è arrivato attraverso Sony. La cosa interessante di lei è che sì, lei è una madre e questa è una grande motivazione per lei. E c’è qualcosa di una leonessa in questo personaggio che ho pensato, “Wow, è eccitante, questo è un personaggio di uno stile diverso. Guida molto la traiettoria della storia. È dura e un po’ misteriosa, anche tra sé e sé.” Quindi c’è molto di confuso in questo personaggio. Aveva tutte le complicazioni di una donna, per quella circostanza straordinaria che stava lasciando e pensai: “Questo sarà molto eccitante interpretare. Ci sono molte opportunità.”

Peter Bowes: Riempiamo alcune lacune per le persone che non hanno ancora guardato la serie. Emily Byrne scompare senza lasciare traccia e viene dichiarata morta. Stava dando la caccia a uno dei serial killer più famosi di Boston. Boston è la città in cui si svolge la serie. Sei anni dopo, viene trovata in un capanna in mezzo a un bosco. È a malapena viva e non ricorda nulla degli anni in cui è stata rapita. Torna a casa e scopre che il marito si è risposato. Suo figlio è stato cresciuto da un’altra donna. La storia si sviluppa da lì. E poi si trova coinvolta in una serie di omicidi.

Stana Katic: Quello, quello. Grazie, molto bene.

[Un dialogo di Absentia viene trasmesso alla radio]

Peter Bowes: La storia della maschera è stata creata per farti saltare alla fine. Senti che si sta costruendo la suspense. E questo è solo l’inizio.

Stana Katic: Sì, penso che questa sia una di quelle storie in cui il pubblico che è un fan del mistero e della suspense probabilmente pronosticherà gli eventi e non penserà che abbiano torto. Quindi questo è anche eccitante, guarda qualcosa che pensi di sapere dove sta andando la storia, ma poi scopri “Oh no. Sta andando in una direzione completamente diversa.” E quello che mi è piaciuto di questa serie è che, sì, Emily è il personaggio che ha guidato la traiettoria della nostra storia, eppure ognuno degli altri membri del cast ha un fantastico compito da interpretare. Quello che troviamo, mentre andiamo avanti nella storia, è che tutte queste persone, familiari, colleghi e così via hanno segreti oscuri che vengono scoperti mentre passiamo da un episodio all’altro. E hanno molte ragioni per mantenere la situazione attuale, per creato una vita senza di lei, tener Emily fuori.

Peter Bowes: È interessante, questa serie è ambientata a Boston, ma è stata registrata in Bulgaria. Perché?

Stana Katic: Beh, quello era parte del progetto quando ho accettato. Questo era un posto in cui alcuni dei produttori avevano lavorato in passato e sono rimasta davvero sorpresa, in modo positivo, dal team che avevano creato e da alcuni posti che già conoscevano. Sai, alcuni dei più grandi film d’azione del passato sono stati registrati lì, come 300 e I Mercenari. E ciò che è molto interessante nell’avere progetti come questo [lì] è che, sebbene siano basati sull’azione, i team deve essere davvero super tecnici per eseguire tali storie. Quindi abbiamo avuto una squadra fantastica. Molti membri del nostro staff provenivano da questi film. Quando ho parlato con il regista, ho detto, “Allora, come hai intenzione di duplicare [la città di Boston]?” Naturalmente, avevamo uno sfondo e cose del genere. Avevamo uno studio in cui lavoravamo che aveva questa atmosfera della costa orientale, ma il regista ha sempre pensato che la città fosse “Boston”, ma Boston era più simile alla città dei Sette: i sette crimini capitali che l’avevano appena suggerita. Potrebbe essere una qualsiasi città.

Peter Bowes: Quindi la pressione non era costante per rendere le strade simili a Boston.

Stana Katic: Al 100% no. Stavamo parlando, “Vogliamo indossare un accento di Boston? Vogliamo essere sicuri che i personaggi, che il cast abbia un accento di Boston?”. Era chiaro che tutti volevano una sensazione da fumetto, dove è Metropolis, non necessariamente New York City. Ha senso?

Peter Bowes: Sì, totalmente. Un’altra cosa interessante per me è che molte persone nel cast sono inglesi.

Stana Katic: Sì. Sì! Ho fatto un tea party con Cara Theobold e Neil Jackson. Entrambi incredibili attori che sono nel nostro cast. Anche Ralph Ineson lavorava con noi.

Peter Bowes: Per coloro che non ricordano, Ralph è stato il socio di Ricky Gervais in The Office. Che personaggio diverso!

Stana Katic: Ne?! E anche in Game of Thrones. Volto di Downtown Abbey. Abbiamo avuto alcuni dei più incredibili attori inglesi.

Peter Bowes: Sto per farti alcune domande che mi sono state inviate, come ha detto Rhod, su Twitter. Ne ho parlato una settimana fa e sono stato letteralmente inondato [dalle domande], c’erano centinaia, forse migliaia di domande.

Stana Katic: Yay!

Peter Bowes: Non menzionerò tutti quelli che hanno fatto una domanda, poiché molte sono simili. Ma la domanda più comune è: ci sarà una seconda stagione di Absentia?

Stana Katic: Penso di dover lasciare che Amazon si occupi di questo. Speriamo. Speriamo, gente.

Peter Bowes: Ma le cose stanno andando bene.

Stana Katic: Fortunatamente sì. Il pubblico che è stato attratto dalla serie finora è stato enorme, fin dall’inizio, in Spagna e Portogallo, in Gran Bretagna e ora in America. Quindi sì, ne sono grata.

Peter Bowes: Non abbiamo ottenuto una risposta concreta a questa domanda, ma stai sorridendo. Karen a New York mi ha chiesto di chiederti del tipo di metodi di recitazione che usi, perché alcune delle scene in cui ti trovi sono estremamente realistiche. Sto pensando ad una delle prime scene in cui sei in un enorme cabina piena di ciò che sembra acqua ghiacciata. In pratica, stai affogando e hai girato la scena da sola.

Stana Katic: Sì.

Peter Bowes: Non hai usato una controfigura per nessuna di quelle scene?

Stana Katic: No, non per queste.

Peter Bowes: Sei metodica? Nelle scene di cui stai parlando, ovviamente, segui semplicemente la sceneggiatura? Qual è il tuo stile?

Stana Katic: Ottengo solo quello che ottengo. Non so se potrei determinare qualcosa di specifico. Ci sono così tanti esempi là fuori di persone che si sentono costrette da circostanze straordinarie e persone che devono trovare il coraggio per sopravvivere a loro. Quindi, faccio un po’ di ricerche sugli argomenti ed esploro questi personaggi e la realtà di quelle circostanze… Ad esempio, la situazione di annegamento è fondamentalmente una tortura con l’acqua, in un certo senso, quindi…

Peter Bowes: È così che sembrava.

Stana Katic: Sì. Ci sono molte fasi d’informazioni e di ricerca là fuori da esplorare e usare.

Peter Bowes: Linda, di Pittsburgh, ti chiede se fai tu le scene d’azione. Ha detto: “Ti sei fatta male? Hai molti lividi e hai un modo per affrontarli quando sai che puoi farti male, ma devi tornare sul set il giorno dopo?”

Stana Katic: Ho avuto una controfigura. Penso che molti di noi abbiano degli stuntmen. Lei è un titano straordinario. Lo staff ha cercato di rendere tutto molto sicuro. E, naturalmente, tutto era mezzo contenuto, in un certo senso. Ma ho notato che mentre tornando a casa, trovavo nuove ferite ogni notte. Ero tipo, “Oh, da dove viene?”.

Peter Bowes: Sei anche il produttore esecutivo della serie e Sandra, dalla Germania, è curiosa di sapere quanta influenza hai avuto come produttore di serie rispetto a essere solo un’attrice. Com’è diverso quando sei coinvolto in questo scenario, in questo modo?

Stana Katic: Quella era un’opportunità che è venuta prima che iniziassimo le riprese. Sento che, soprattutto in questa fase del nostro settore, nel settore dell’intrattenimento, è importante sedersi al tavolo quando ti viene offerta questa possibilità. Ho cercato di essere la miglior partner possibile per quanto riguarda la narrativa. Dallo sviluppo del personaggio – quando sono arrivata, naturalmente, molto era già stato costruito, – fino ai nostri finali. Abbiamo avuto un grande gruppo di persone molto dedicate, con Sony e successivamente con Amazon e gli altri gruppi che si sono uniti per distribuire la serie. E naturalmente il nostro team di produzione, dal regista ai produttori e così via e al cast. Quindi, non è mai una cosa individuale, è sicuramente un’esperienza di collaborazione. Ma il mio compito è quello di aiutare a raccontare la migliore storia possibile e, a volte, posso considerarmi come una persona che ha avuto otto anni di esperienza. Il che è stato molto interessante perché non mi rendevo conto di come stavo ottenendo una sottile educazione nel corso degli anni. Non mi rendevo conto che stavo vivendo un’esperienza universitaria lì. Sono stata in grado di offrire alcune di queste informazioni ai miei partner narrativi.

Peter Bowes: Sandra è anche curiosa di sapere se hai passato molto tempo nella sala di montaggio, per il tuo ruolo di produttore. Mi chiedo cosa vuol dire modificare.

Stana Katic: In realtà, non ero nella sala di montaggio. Abbiamo un produttore molto carino di nome Julie Glucksman che lavorava con il nostro regista israeliano per questo progetto, Oded Ruskin. Erano nella stanza a fare il lavoro quotidiano mentre io stavo osservando le cose che mi avevano mandato, mentre i problemi venivano strutturati da un episodio all’altro e parlavamo di note, intenzioni, feste e così via. Sai, cose della dinamica della storia. Per quanto riguarda il montaggio, è strano, non sono un fan… Non sono ansiosa di guardarmi sullo schermo. Tuttavia, sono riuscita a trovare uno spazio in cui potevo allontanarmi dal sentirmi strana nel vedere me stessa e [pensando], “Uh, ho perso un’opportunità, avrei potuto farla in modo diverso.” Sono stata in grado di contribuire in un modo concentrato, “Abbiamo le parti? Stiamo mantenendo il punto di vista?”. E altre domande che ci si pone quando si cerca di creare una storia.

Rhod Sharp: Ciao, Stana. Questo è Rhod.

Stana Katic: Ciao, Rhod.

Rhod Sharp: Ti darò il tempo per tutte le domande dei fan. La mia domanda è: è cambiato qualcosa per te, come protagonista femminile, in termini di Time’s Up? Sto pensando al fatto che durante il BAFTA di domenica notte tutti indossavano una spilla Time’s Up. C’è qualcosa di diverso adesso, quando si tratta di entrare nell’ufficio di un produttore?

Stana Katic: Quando abbiamo terminato le registrazioni, l’iniziativa non era ancora iniziata o non aveva raggiunto il suo picco. E spero che non raggiunga necessariamente il suo apice, spero che continui. Quindi non l’ho sentito in campo. Ma credo, in un certo senso, che questo è un dialogo che va avanti da alcuni anni, si è parlato di equità salariale e così via. È una conversazione che va avanti da un po’ di tempo, tuttavia, sul campo, non la sento necessariamente. E naturalmente abbiamo avuto un certo tipo di estetica nel nostro gruppo, che è stato davvero interessante con cui lavorare. In ogni caso, ho visto questo personalmente in questi ultimi tempi, ma sento che, nel complesso, v’è uno sforzo per cercare di creare un sistema, storia inclusa, sia attraverso l’elemento di gestione, sia per gli artisti che stanno raccontando la storia sullo schermo. E penso che sia molto eccitante. Stiamo parlando di Time’s Up, ma stiamo anche parlando di inclusione che riflette più del mondo così com’è. E penso che se ci impegniamo in queste storie, siamo, in un certo senso, più fedeli a ciò che esiste. So che vivendo a Los Angeles vedo molte culture, molte razze, molte religioni, molti generi e un passo avanti è quello di rispettare sforzi come Time’s Up and Me Too.

Rhod Sharp: Hai detto che non ti hanno fatto usare un accento di Boston, è un accento così facile da parodiare, ma in realtà è piuttosto difficile da fare, non è vero?

Stana Katic: Assolutamente. E c’è la differenza tra l’accento dei dintorni e, per così dire, l’accento di Boston stesso. Ma sarebbe stato divertente. Mi piace ascoltare l’accento britannico e le differenze, le variazioni tra gli accenti. Quindi penso che sarebbe stato divertente interpretare qualcosa con un accento americano.

Rhod Sharp: Ti restituisco a Peter.

Peter Bowes: Grazie mille. Abbiamo ancora molte domande su Absentia e arriveremo a loro in un secondo. Ma voglio chiederti questo. Molte persone stanno commentando il fatto che le Olimpiadi si stanno svolgendo proprio ora e si chiedono se sei una fan. Se hai uno sport preferito, se sei una donna sportiva e hai una disciplina particolare a cui vorresti partecipare?

Stana Katic: Wow, sì. Mi piacerebbe provare lo slittino.

Peter Bowes: Interessante.

Stana Katic: Anche il curling. So che non hanno senso insieme, ma vorrei provarne uno.

Peter Bowes: Fai sport?

Stana Katic: Sì, faccio molto yoga, corro,
cammino e cose del genere. E giocavo a calcio quando ero piccola.

Peter Bowes: Quindi forse le Olimpiadi estive.

Stana Katic: Questo, ovviamente.

Peter Bowes: Giusto, tornando alla serie. Molte domande sono legate al fatto che questa serie è molto realistica, molto intensa. Gabi, dal Brasile, chiede semplicemente come ti sei sentita alla fine della giornata. Hai mai sognato la storia o persino avuto incubi su ciò che hai interpretato nelle ore precedenti?

Stana Katic: I miei incubi, grazie per aver chiesto, di solito ruotavano attorno a “Oh mio Dio, conosco le mie battute? Oh mio Dio, mi sveglierò in tempo per le riprese?”. Ma nella misura in cui questa è stata un’esperienza altamente performante, di sicuro. Abbiamo registrato lo spettacolo in tre mesi e mezzo, filmato ogni scena in base alla posizione, quindi stavamo registrando qualsiasi episodio in qualsiasi momento. Era decisamente…

Peter Bowes: Questa è una linea temporale intensa. Molto intensa.

Stana Katic: Sì, è stata una sfida. Era praticamente come dire di girare tre film contemporaneamente.

Peter Bowes: Sì. Il che mi porta alla domanda di Monica. Monica viene da Washington, DC, e dice “Cosa hai fatto con le sceneggiature quando le hai finite?” Ha detto “quando hai finito di leggerle”, immagino che sia quando hai finito di leggerle e di fare quelle scene. Sei una di quelle persone che conserva tutte le sceneggiature?

Stana Katic: Sai, in tal caso, no. Non le ho tenuto. Avevo molti appunti e tutto questo, e volevo solo lasciarli al loro posto. Quindi mi sono liberata di tutte le sceneggiature.

Peter Bowes: E in realtà ci sono molte scene in cui, francamente, non hai bisogno di una sceneggiatura perché riguarda le emozioni e le espressioni facciali. Monica dice che, in realtà, non dici una parola, ma stai ancora raccontando la storia con la tua espressione facciale. Lei chiede: dove trae l’energia per essere in grado di fare questo?

Stana Katic: Dalle mie ascelle. Trovo molta energia sotto le ascelle. In qualche modo stavamo contando su suspense di stile nordico, e in questi tipi di storie non c’è molta azione verbale. Non dobbiamo spiegare gran parte della trama attraverso il dialogo, è vero. La maggior parte della storia è raccontata nei silenzi e nei momenti intermedi. Mi piace, mi piace questo tipo di narrazione.

Peter Bowes: Jena di Phoenix ha un’altra domanda sulla sceneggiatura. È semplice, hai già parlato di questo: come memorizzi le tue battute? Hai un sistema, hai un processo? Hai difficoltà con questo?

Stana Katic: Sì, prendo la mia sceneggiatura, la metto sotto il cuscino e ci dormo sopra. E in qualche modo, per osmosi, la memorizzo.

Peter Bowes: Questa è una di quelle domande astratte. Kim dalla Germania chiede: se tu avessi una macchina del tempo, quale anno sceglieresti?

Stana Katic: Wow, mi piacerebbe saltare nel futuro.

Peter Bowes: Non so da dove viene questa domanda.

Stana Katic: Sì, penso che vorrei andare nel futuro. Penso che sarebbe interessante vedere il viaggio di Tesla su Marte. Vedi il viaggio dell’uomo su Marte. Sarebbe bello.

Peter Bowes: Sarebbe fantastico. Mi piacerebbe.

Peter Bowes: L’ATP Alternative Travel Project è qualcosa di cui abbiamo parlato l’ultima volta che sei stato qui. In realtà, l’ultima volta che sei stato qui, immagino. Beatrix, dal Portogallo, si chiede come sia. In realtà, lascia che ti spieghi di cosa si tratta: questa iniziativa sta fondamentalmente cercando di far uscire le persone dalle loro macchine per usare forme di trasporto alternative. Ti concentri molto su questo a Los Angeles.

Stana Katic: È stata un’iniziativa senza scopo di lucro che ho iniziato nel 2010. L’idea alla base di questo era incoraggiare le persone a viaggiare senza veicoli a benzina, attraverso nuove tecnologie, escursioni, ciclismo, trasporto pubblico e così via. E quindi è qualcosa che mi è ancora molto caro e lo pratico da sola. In questa fase, stiamo cercando collaborazioni nel progetto con un’università. È un’organizzazione fantastica senza scopo di lucro e penso che la partnership giusta sarebbe una fase successiva molto importate per questo progetto.

Peter Bowes: E ci sono un sacco di cose eccitanti in corso a LA.

Stana Katic: Assolutamente.

Peter Bowes: Elon Musk è proprio lì, davanti a quello, con i suoi tunnel.

Stana Katic: Sì, e siamo uno dei, se non la principale capitale del mondo del divertimento, quindi l’estetica che inizia qui, le tendenze che iniziano qui risuonano in tutto il mondo. Penso che sarebbe qualcosa che se potessimo collaborare con il gruppo giusto, si diffonderebbe facilmente.

Peter Bowes: C’è un sacco di forza da quando hai iniziato il progetto?

Stana Katic: È stato fantastico. Ho ricevuto messaggi da persone che erano in Romania che passavano nel tempo quindi non usavano più le loro macchine e che hanno iniziato storie d’amore su autobus perché avevano deciso di viaggiare fuori dalla bolla delle loro macchine. Quindi, sì, c’è un tipo davvero meraviglioso di energia dietro. E a Los Angeles, stiamo guardando quello che verrà, perché il traffico è sempre stato tanto. La popolazione cresce esponenzialmente, a quanto pare, e sento che stiamo vedendo come sarà questa città nei prossimi anni e cosa faremo a riguardo.

Peter Bowes: E parlando di essere a Los Angeles, quest’altra domanda è di Maria, che vive in Italia. Lei menziona il fatto, che ovviamente hai girato, in una zona molto fredda, un paese molto freddo, ed essendo abituata ad essere qui a Los Angeles. Ha chiesto come ti sei abituato al passaggio dal caldo di Los Angeles a un clima molto freddo?

Stana Katic: Sai, penso che il mio sangue sia sparito. Voglio dire, ero sotto diversi strati di vestiti e la Bulgaria in inverno era piuttosto fredda. E non ho avuto tante difficoltà nel fare il passaggio a questo clima come alcuni dei miei colleghi che sono venuti, credo, dall’Uruguay, dal Messico e così via. Quindi in realtà hanno avuto problemi nel registrare Absentia e registrarlo nel mezzo dell’inverno.

Peter Bowes: Abbiamo solo tempo per un’altra domanda. Lisa, in Colonia, in Germania, dice: Hai preso qualcosa dal set di Absentia come souvenir? Supponiamo che tu non torni, ma forse ritorni.

Stana Katic: In realtà, non penso di aver capito.

Pewter Bowes: Molti attori lo fanno.

Stana Katic: In realtà non credo di averlo fatto, non ne ho avuto bisogno. Ho avuto una troupe incredibile che prima di andare via, mio dio, mi ha fatto regali bellissimi: dal gruppo di elettricisti ai gaffers e così via. Mi hanno regalato diverse maglie delle squadre di calcio. Ci sono due diverse squadre concorrenti lì e si sono divertiti… i macchinisti erano della squadra che indossava il rosso e gli elettricisti di quella che indossava il blu. Si sono divertiti un mondo a guardarmi indossare le maglie delle loro squadre, quindi ho molti cimeli da quel gruppo e poi altri regali molto dolci dal resto della troupe così ero strapiena quando sono andata via dalla Bulgaria.

Peter Bowes: Ti è piaciuto molto.

Stana Katic: Si. È stato molto dolce.

Peter Bowes: Siamo fuori dal tempo, Stana. È stato bello vederti.

Stana Katic: Grazie mille.

Peter Bowes: Grazie.

 

Indietro | Top