Abbiamo avuto la possibilità di sederci con Stana Katic (@katicstanaofficial) nel backstage di @build la scorsa settimana e abbiamo parlato del suo ruolo da protagonista in Absentia come agente speciale Emily Byrne, paperelle di gomma e di Star Trek.

Se potessi avere una conversazione con l’agente dell’FBI Emily Byrne, cosa chiederesti?
Uh, amica, quella pettinatura, dove sei andata a farla?

C’è un argomento che conosci davvero bene?
No, non sono quel tipo di persona. Non mi sento come se sapessi tutte le cose. Adoro esplorare e conoscere altre culture e altre parti del mondo, la storia, lo spazio e cose come quelle.

C’è qualcosa di cui sei una super fan?
Sì, ci sono un sacco di cose. Quando parli di super fan, di solito mi sento come se parlassi direttamente a questa parte, che sostengo perché guardo Star Trek. Sono una grande sostenitrice del giorno in cui spero di interpretare qualcuno con le orecchie a punta. Sono una grande sostenitrice della parte dei buoni con quelle orecchie a punta.

Come descriveresti Absentia a un bambino di cinque anni?
“Tesoro, sai come quella volta in cui eri in piscina e la paperella di gomma non aveva più aria, e ti ricordi una specie di bocchetta in fondo alla piscina, e l’aveva quasi persa così tuo zio Mike ha nuotato e ha ripreso la paperella per te? Ti ricordi come ti sei sentito? Eri così triste per la paperella di gomma?”

E il bambino di cinque anni, spero, direbbe “Sì.”

“Ecco Absentia è una specie di storia sulla paperella di gomma, e la sua vita proprio dopo quel momento che riemerge dall’acqua di nuovo.”

Qual è la cosa più memorabile che ti sia mai capitata sul set?
Abbiamo un regista di Absentia che ha diretto tutta la nostra prima stagione, si chiama Oded Ruskin e ha diretto il primo pezzo della seconda stagione. Aveva l’abitudine di [dire], “Taglia! Taglio! Va bene! Grande! Eccezionale Grazie!” E, sai, stava succedendo. Tutti abbiamo sviluppato una sorta di stenografia tra noi e ci prenderemmo in giro tra un take e l’altro. Sarebbe come, “Agisci!” E volevamo dire, “Direct!” E dopo un taglio era come, “Ok! Grazie! È stato grandioso!”… e ha preparato un’altra ripresa, e alla fine sono arrivata al punto di dire “Prendo i miei grazie in Manolo Blahniks.” E alla fine della prima stagione, non ci potevo credere, io credevo che fosse una presa in giro, e alla fine della prima stagione mi hanno regalato questa scatola, questa bellissima scatola di stupendo camoscio blu Manolo Blahniks. Sono rimasta colpita, grata e scioccata.

Se una canzone a tema venisse suonata ogni volta che entri in una stanza, quale canzone sarebbe?
Deve essere il tema di Bond, amico. Ciao!

Ti ispiri a qualcuno nella tua performance?
Dipende dal personaggio. A volte è un personaggio storico, a volte è un animale, a volte è un personaggio dei cartoni animati. Quindi dipende dal personaggio. Ad esempio, [l’agente speciale Emily Byrne] per me è una specie di mix di Edward Mani di Forbice che incontra Harry Potter.

Se tu fossi nominata per un premio per qualcosa di diverso dalla tua carriera, quale sarebbe?
Mi piacerebbe vincere il premio Nobel per la pace. [RISATE] dico davvero.

Siamo tuoi fans ossessivi!
Segui Stana Katic su Tumblr (@katicstanaofficial) per aggiornamenti e eccellenti ~contenuto estetico~ e assicurati di guardare la seconda stagione di Absentia su Amazon Prime Video.

 

Indietro | Top