La star di ‘Absentia’ parla della sua esperienza nella serie crime ‘Castle’ e di come il suo attuale ruolo sia diverso

L’ex star di Castle, Stana Katic, è tornata come la presunta agente dell’FBI Emily Byrne nella seconda stagione di Absentia su Amazon Prime Video. L’attrice quarantatreenne presenta la nuova stagione e riflette sulle lezioni apprese durante la sua permanenza nella serie Castle e sul modo tumultuoso con cui la serie si è conclusa, lasciandola andare via dallo spettacolo poco prima che venisse cancellata completamente.

Dove troviamo Emily all’inizio della seconda stagione?
Uno dei punti di forza di Emily nella prima stagione era la consapevolezza che suo figlio era ancora vivo e forse un giorno avrebbe potuto sopravvivere a tutto e riunirsi a lui. E c’è un evento alla fine della prima stagione che mette tutto in discussione. Nella prima parte della seconda stagione, sta cercando di capire cosa è successo quando è stata in prigionie e  chi è stato a catturarla. I segreti su cui tutti gli altri sono rimasti aggrappati all’inizio e nello svolgersi poi i personaggi ad un certo punto hanno iniziato a lavorare a sostegno di Emily, abbiamo scoperto parte del loro lato oscuro.

Sei stata messa sotto torchio interpretando Emily. Quanto sono state difficili le scene di tortura in acqua?
L’abbiamo girato per molti giorni, dannazione! Ho detto, “Ragazzi, possiamo fare tipo tutte le scene di tortura in acqua in una volta sola, quindi non devo farlo di nuovo?” Se c’è una terza stagione, sarebbe stato piacevole se le avessimo già avute a disposizione sapendo di potervi attingere.

Puoi uscire dal ruolo facilmente?
È stato difficile, sicuramente. Lo stavamo girando in Bulgaria, e io ero lì [senza la mia famiglia] per una buona parte di tempo. Così per fortuna gli sono state risparmiate tutte le conseguenze negative. Ma non c’è niente che un bicchiere di vino non possa guarire alla fine della serata.

Com’è lavorare con il nostro Matthew Le Nevez, che interpreta l’agente dell’FBI Cal Isaac?
È stato fenomenale. Ho visto tutti e 10 gli episodi e voi ragazzi lo amerete. Matt è uno di quei ragazzi che brilla proprio.

Sono passati tre anni dalla fine di Castle. Le persone ti chiedono ancora del personaggio quando ti riconoscono?
Sì, le persone si avvicinano ancora a me e sono ancora entusiasti di quel personaggio, perché è ancora in onda a livello internazionale. E mi piace quando conoscono il mio nome e forse non il nome del mio personaggio, o forse mi riconosco per il nome del mio personaggio. Ho lavorato molto duramente a quella serie, è stata importante per me. E mi sento come se dovessi proteggerlo per il pubblico, soprattutto perché molti di loro lo amavano davvero.

Hai recitato a Castle per anni, in un periodo in cui le donne non hanno sempre avuto lo stesso rispetto degli uomini in quel mondo. Quali lezioni hai imparato durante il tuo tempo nella serie?
Pazienza, coerenza… Ci sono così tante volte che vedo che là fuori è tutto scontato, perché ho il titolo d’attrice, che forse non sono ritenuta così capace in quel momento. E quindi devi solo sopportarlo ed essere come, “Ok, è quel tipo di situazione. “Sono entrata nelle stanze dove so che c’è il presupposto che tu possa non essere intelligente come loro. Ma ho anche lavorato con persone davvero meravigliose. Soprattutto in questo momento, stiamo vivendo una grande esperienza di collaborazione. E quindi non so se si tratta di una cosa maschile/femminile o solo di attori in generale, ma so che avere la pazienza di affrontare quel presupposto e quindi la coerenza per continuare a fare del tuo meglio, di solito si sbarazzano di quei preconcetti e poi possiamo andare al lavoro.

Hai imparato a chiedere il rispetto che meriti o hai sempre saputo parlare?
No, non sono sempre stata in grado di parlare. E non sono stata brava a stabilire dei limiti e questo è qualcosa che sto ancora imparando. Ma, credo che nulla crea rispetto e uno spazio creativo impegnato come la coerenza, il duro lavoro e la pazienza.

 

Indietro | Top