Dopo che la prima stagione ha portato gli spettatori da innumerevoli colpi di scena, la seconda promette di avere più o meno la stessa cosa. L’agente dell’FBI Emily Byrne (Stana Katic), che è stata dichiarata morta, ma in realtà tenuta prigioniera per anni, è tornata alla sua vita, o in quella che era la sua vita, e nulla è più come prima.

In questa stagione, Emily continua a cercare di scoprire chi è e sta ancora cercando di trovare un modo per vivere ed essere felice. C’è un’oscurità persistente in Absentia e, iniziando subito col botto la seconda stagione, il primo episodio ci lascia già con un cliffhanger.

Global News ha parlato con Stana Katic a Toronto per discutere di tutto ciò che riguarda la Stagione 2, l’evoluzione di Emily e il suo rapporto con suo figlio.

 

Global News: Che cosa hai provato quando hai sentito del rinnovo della serie per la seconda stagione?
Stana Katic: Incredibile. [Ride]

 

Global News: È stato come, “Questo è incredibile, ho lavorato così tanto per questo, sono la protagonista…”
Stana Katic: Mi sento come, “Yeah, sto interpretando la protagonista! “ma sento anche che questo show è un progetto portato avanti come gruppo. Non è stata solo una vittoria personale, ma una vittoria per l’intera crew, il cast e i collaboratori creativi. Ancora di più in questa stagione. Questa stagione analizza molti degli archi personali degli altri personaggi. Ho visto tutti e 10 gli episodi ed è stato emozionante per me. Sono davvero orgogliosa del loro lavoro. Penso che il pubblico apprezzerà le storie dei diversi personaggi e si identificherà in modo diverso con ognuno di loro.

 

Global News: Nel primo episodio della seconda stagione, la storia è molto coinvolgente, ed è notevolmente ben ripresa.
Stana Katic: La serie è migliorata e questo è quello che dobbiamo fare, no? Migliorare la narrazione. Dobbiamo sfidarci per alzare il livello ogni stagione.

 

Global News: Absentia ha decisamente quella complessità.
Stana Katic: In definitiva, è un thriller psicologico e dobbiamo dimostrarlo. Questa è una sfida per noi. Quello che abbiamo fatto nella prima stagione è stato guardare Emily da una prospettiva obiettiva, specialmente durante la prima metà. Il pubblico, come risultato, non ha conosciuto necessariamente Emily. Emily era un mistero sotto molti punti di vista. Andando avanti con la prima stagione, abbiamo iniziato a provare più momenti di intimità accanto la protagonista, per esempio.

Poi, questa bomba di informazione arriva alla fine della prima stagione; lo senti molto intimamente con Emily. Nella seconda stagione, camminiamo a fianco di lei molto più vicino di quanto abbiamo mai fatto prima. Grazie a questo, abbiamo il permesso di fare questi folli momenti alla David Fincher.

 

Global News: In qualità di produttrice esecutiva, questo approccio è più una tua idea? O è questo, ancora una volta, uno sforzo collaborativo?
Stana Katic: Non è solo una mia idea, ma è sicuramente parte della discussione. Quando esaminiamo i registi per l’eventuale terza stagione, pensiamo alla traiettoria potenziale della serie, discutiamo con gli autori … è molto importante che questi registi possano usare quel linguaggio visivo del thriller psicologico.

 

Global News: La relazione di Emily con suo figlio, Flynn, è probabilmente la più coinvolgente. Come possono questi due trovare loro stessi e ritrovarsi?
Stana Katic: Lo scopriremo, di sicuro. In molti modi, sono estranei, eppure sono così familiari l’uno con l’altro. In vista delle riprese di alcuni di questi episodi e scene, Patrick McAuley [che interpreta Flynn] e io ci siamo seduti a chiacchierare del nostro approccio. È stato molto chiaro a riguardo. Ha detto: “Io sono il piccolo Batman, e tu sei Batman”. [Ride]

Ho pensato che fosse davvero bello perché dal suo punto di vista, c’è qualcosa di eroico in sua madre… ma anche oscuro. Lo capisce, forse non coscientemente, ma a un livello genetico. Mi sento come questi due personaggi … c’è una comprensione silenziosa a causa della connessione genetica che non tutti possono provare.

 

Global News: Oltre a quello che hai già menzionato, che altro puoi dirmi della seconda stagione?
Stana Katic: Tutti potrebbero pensare che tutto è sepolto, tutto è fatto, tutto è risolto alla fine della prima stagione. Iniziamo con un personaggio la cui identità e percezione di se stessa sono completamente distrutti, e sta cercando di rimettere insieme i pezzi. Parte del motivo è che non si ricorda molto. Ha intrapreso questo viaggio cercando di ricordare un passato che è nebbioso in molti modi.

Nella seconda stagione, sta cercando di rimettere insieme quei pezzi. Sta cercando di trovare la sua nuova normalità. Parte di ciò che la spinge a farlo è che vuole avere una relazione con suo figlio, che è il vero fulcro di questo personaggio – è la ragione per cui è riuscita a sopravvivere in tutti quegli anni in prigionia. Ha bisogno di sapere che lei è a posto per lui, che lui è al sicuro con lei. Gran parte di questo dipende dallo scoprire cosa è successo in quella vasca e in quel momento lontano. Spieghiamo molto di questo.

La nostra storia si sposta in Europa, verso metà stagione ed è … una stagione divertente da guardare perché tutti questi personaggi hanno dei viaggi davvero interessanti da fare, separatamente e insieme. Per quanto riguarda la moralità, c’è una vasta zona grigia per tutti.

 

Indietro | Top