LA PROTAGONISTA DI CASTLE, STANA KATIC, PARLA DEL LICENZIAMENTO E DI COME HA TROVATO IL SUO RUOLO IDEALE.


In otto stagioni, Stana Katic ha reso Castle il telefilm ideale per gli amanti delle crime series. L’attrice interpretava il detective Kate Beckett, nello show. Al fianco del suo collega Nathan Fillion, ha trasformato la serie in uno dei migliori programmi della TV.

Proprio per questo il licenziamento, alle porte della nona stagione, è stato inaspettato.
Come previsto, Castle è stato cancellato poco dopo e per nostra fortuna, perché l’attrice trentanovenne è tornata sul piccolo schermo. Parlando a TV Week, Stana racconta del suo ruolo nel nuovo telefilm di Amazon Prime, Absentia.

Di cosa parla Absentia?
La storia comincia sei anni dopo che il mio personaggio, Emily, è stato rapito. Emily era un’agente dell’FBI, a caccia di uno dei principali serial killer di Boston. Emily viene data e dichiarata morta. La storia inizia in tribunale, con le persone sospettate di averla uccisa. Tuttavia, si scopre che Emily è viva e che ha passato sotto tortura gli ultimi sei anni.

Perché ha pensato che questo era il ruolo ideale per tornare in TV?
Quando ho discusso a proposito di ciò che stavamo cercando, con i miei agenti, ho detto che non volevo interpretare una madre né volevo essere la fidanzata di qualcuno. Di solito, per quello che ho potuto vedere, questi personaggi sono uno strumento, nella storia. In realtà non la determinano. Per questo, quando ho letto a proposito di Emily, sono stata sorpresa nel trovare un personaggio che aveva, per certi aspetti, tutto ciò. Lei aveva tutte queste caratteristiche e, certamente, determinava l’andamento della storia.

In cosa differisce da Castle?
Castle era bello, era una commedia romantica. Era affascinante. Questa storia è una sfida. Persino girare Absentia è stata una sfida, perché abbiamo ripercorso tutta la trama. In questo modo giravamo un episodio in un dato momento, durante la serie. Registravo l’episodio 1 la mattina e poi l’episodio 5, la sera e di notte l’episodio 3.

Hai fatto pace con il mondo in cui Castle ha determinato la tua ascesa?
Ero confusa su tutto ciò che è successo e che mi ha ferito. Ma si tratta di due anni fa. Da allora, ricordo questa esperienza e sono grata di aver fatto parte di quel progetto. Sarebbe un torto al lavoro che ho fatto, non esserlo per un fantastico telefilm.

Indietro | Top